Resta connesso con il tuo Liceo!

sociale

LICEO COLOMBINI PER IL SOCIALE

Raccolta alimentare Caritas

Anche quest’anno, come da tradizione, il Liceo Colombini ha dimostrato in modo importante la sua vicinanza e solidarietà a favore delle persone più bisognose, tematica che in prossimità delle festività natalizie, assume un valore sempre molto significativo.

Su iniziativa, infatti, delle docenti di Educazione Motoria Prof.sse Cherchi e Dadati, è stata organizzata all’interno delle classi dell’istituto una raccolta di generi alimentari non deperibili da destinare alla Caritas, che da sempre si occupa di aiutare e tutelare chiunque si trovi in stato di bisogno. Come mostra la tabella in allegato è stata un’occasione in cui gli studenti hanno dato prova di grande attenzione e sensibilità che è stata particolarmente apprezzata da direttore della stessa associazione.

Oltre a ringraziare i ragazzi per il lavoro svolto, ha infatti sottolineato come questo significativo sforzo sia di buon auspicio per il futuro: “gli adulti di domani, l’attenzione e la sensibilità che esprimete rappresentano la speranza della nostra comunità”.

Proprio questa dimensione di aiuto e collaborazione collettiva si esprime in modo essenziale quanto fondamentale nell’esperienza di vita che i ragazzi vivono quotidianamente grazie alla scuola: “per ciascuno di noi questo è il tempo delle esperienze fondamentali, di amicizia, di confronto, di condivisione di idee e delle prime forme di attenzione all’altro e di solidarietà”.

Queste forme di sostegno e supporto assumono, inoltre, un valore ancora più ampio se le si considera non solo come la semplice risposta ad un bisogno, ma anche e soprattutto una dimostrazione di reale interesse nei confronti di chi si trova in una situazione di evidente difficoltà e disagio. Tale dinamiche, infatti, risultano sempre più difficili da riscontrare nella società attuale, che si caratterizza per essere prettamente individualista e concentrata esclusivamente sulle proprie libertà: “certamente sappiamo che oggi questa dimensione non trova tanto spazio nella società, tutta focalizzata sull’individualismo, il consumo, la libertà personale ad ogni costo, la comunicazione virtuale in assenza dell’altro”.

A maggior ragione, dunque: “pensare agli altri, agli altri al di fuori di noi e della nostra cerchia stretta, significa preoccuparsi ed avere cura di persone in difficoltà, significa quindi pensare come dicevamo sopra alla collettività, al bene comune, al futuro della nostra società; una comunità non può crescere se non ci mettiamo in gioco, se non guardiamo cosa succede intorno a noi”.

In conclusione, si può affermare che l’impegno degli studenti del liceo, grazie anche alla sua caratterizzazione fortemente umanistica, ha dimostrato che questa sensibilità è ancora forte e presente, nonostante tutto “e fa credere a noi adulti che c’è un futuro di speranza nella nostra società”.

Lascia una risposta