Resta connesso con il tuo Liceo!

redazione, sociale

LIBRI GRATIS GRAZIE AL SOFTWARE PROGETTATO DAGLI STUDENTI

Per merito del progetto “Do ut des” saranno concessi in comodato d’uso i libri usati donati dagli studenti

Lunedì 17 maggio si è tenuta presso l’aula magna la premiazione delle prime due studentesse (Gaia Signaroldi e Martina Forlani) che lo scorso anno hanno donato i propri libri di testo alla scuola.

Il progetto, ideato dal Comitato genitori del nostro liceo, è volto a promuovere il riciclo e la sostenibilità ambientale, permettendo a tutti gli studenti che non vorranno vendere i propri manuali di donarli alla scuola. Grazie a questa iniziativa, l’istituto diventa proprietario dei libri di testo e, attraverso un software sviluppato da 4 alunni delle scienze applicate (Marcello Calandri, Alessandro Teodori, Edoardo Seist e Gabriele Bongiorni), mette a disposizione degli studenti tutti i libri in comodato d’uso.

Alla premiazione hanno partecipato anche Marina Tamellini e Serena Nocivelli (presidente del comitato genitori), le quali hanno sottolineato l’importanza del riuso e della donazione in un periodo di crisi economica che ha costretto moltissime famiglie a fare enormi sacrifici per permettere ai figli un’adeguata istruzione.

La dirigente Maria Luisa Giaccone si è dimostrata entusiasta di dare il via ad un’iniziativa così importante e che permetterà sia agli studenti delle scienze applicate di impiegare alcune ore del proprio pcto nella realizzazione e manutenzione di questo software (grazie all’aiuto della professoressa di informatica Cristina Rebecchi); sia gli studenti delle scienze umane ad arricchire il loro pcto partecipando attivamente alla gestione dei manuali.

Beatrice Boero, Aurora Castignoli, Emma Baldini e Carlo Mastroianni sono stati i primi 4 alunni delle Scienze Umane ad aver aderito a questo progetto e si occuperanno dell’inserimento dei libri e della gestione bibliotecaria dell’istituto.

Ci auguriamo che questo possa essere solamente il primo passo del nostro liceo verso un futuro più green e sostenibile.

Valentina Diani 5^ESD