Resta connesso con il tuo Liceo!

Poesie

L’INFINITO

Pensare all’infinito
Fa venire in mente
Un’area così vasta
Da non vederne né l’inizio
Né la fine.

L’infinito fa pensare
Alla galassia,
Splendente e misteriosa nel suo brillare,
Impressionante per la sua grandezza,
Meravigliosa per i pianeti
E le stelle componenti,
E per questo è ancora più bella,
Luccicante,
Immensa. 

Ma è anche spaventosa
Essendo piena di misteri,
Di ciò che l’uomo non ha ancora visto
E che forse non vedrà mai.
Noi uomini abbiamo timore
Di ciò che è nuovo,
O meglio,
Di ciò che non sappiamo,
Avendo paura di non adattarci
Alle novità.

Ma forse l’uomo è spaventato
Dall’idea di non riuscire
A dare una risposta immediata
E razionaleA ciò che vede;
Nel passato ha cercato
Di trovare soluzioni con il mito,
Poi con la filosofia
E la scienza.

Però l’uomo non ha 
Dato una definizione precisa
Di infinito. 

Forse perché l’ “infinito”
È una sezione
Troppo complessa
E piena di insiemi,
Componente della parte
Più astratta e profonda
Di noi stessi.
Irena Vanic 1^SUD

ANARCHIA

Cosa ricordo di quella stazione,
fumo nero e cupo fuoriesce da ogni dove,
come fonte che straborda in piena,
vapori di fuliggine si innalzano nelle strade
mai incrociate.
Rimbombi di passi animaleschi,
schietti,
affamati cercano carne
tra i richiami stridenti di pericolo
chiusi tra quelle mura,
attendono sul precipizio che il vento
indichi loro retta via,
immersi nelle grida.
Alice Pascale 2^ESC

LE MIE LENTI

Le vedi queste lenti?
Il riflesso
dei miei occhi spenti?
spesso con esso
mi arresto. 

Vorrei vendere
questi occhi neri,
spendere
tutti i miei desideri.
Vorrei sentire
il solco di battiti atomici
irrisolvibile 
da bevibili alcolici

Le vedi?
Le mie lenti bagnate,
queste lacrime d’avorio
pure, e rigate
zanne sprecate
di liberta’ private.
Le vedi queste lenti?
Noiosi processi
Esperienze e esperimenti
di sguardi insistenti,
persone incoerenti
mondi inesistenti.

Le vedi?
Sono comete.
In questa vita di catene
ad una mano che s’avvicinava
una mano si allontanava
e capii d’esser solo.
In questa vita di catene
qualcuno mi chiede il suo perdono
la brina scongelava
e vedevo la mattina.

La luce del pregare
nel cessare del dolore
di queste mie lenti,
il livore
di riflessi di strumenti. 
Maya Pilotti